Alla ricerca del bisnonno (perduto?)

Il papà di mio nonno materno era un signore pieno di interessi e dotato di un certo spirito.
Mia madre racconta che andava in cerca della tomba di Alarico all’incrocio tra il Crati e il Busento, a Cosenza; di lui abbiamo foto, libri e documenti sparsi, nulla di sufficiente per farsi un’idea.
Quel che so di lui è che era professore di lettere, preside, archeologo dilettante (ma non troppo), presidente della sezione cosentina del Società per il Risorgimento ed altro ancora.

Qualche anno fa ho iniziato a raccogliere materiale su di lui e pian piano a catalogare le sue attività: negli anni trenta e quaranta ha scritto moltissimo e trovare le sue tracce non è così impossibile, il problema è quando voglio qualcosa di ben preciso. Come oggi: sto cercando il numero del 14 febbraio 1940 de “Il Regime Fascista”, quotidiano di Cremona.
Tra Opac e ACNP, non si riesce mai a capire esattamente quale sia la consistenza della collezione di una biblioteca, così quando riesco non disdegno di andare a vedere se MareMagnum per caso ha in vendita quel che cerco (farei prima!).
Ci sono tanti aspetti che mi affascinano di questa pigra ricerca, che conduco principalmente da dietro il monitor:

  • scoprire cose che nessuno ricordava (Ciardullo ha scritto una simpatica poesia in cui prende in giro il bisnonno!)
  • trovare biblioteche in posti bellissimi (in centro a Milano, nella casa del Manzoni, la biblioteca della Società Storica Lombarda)
  • osservare i progressi della digitalizzazione e dell’indicizzazione dei documenti negli anni

Tra gli aspetti noiosi c’è importunare le biblioteche via mail o per telefono per sapere se hanno quel che cerco. A volte ho delle informazioni sbagliate (su Gbooks ho provato a trovare delle indicazioni di anno errate e mi sono ritrovata a sfogliare con ansia annate su annate di riviste degli anni trenta, prima di trovare quella giusta), altre volte ho delle informazioni corrette ma lacunose (a quale pagina de “il Regime Fascista” del 14 febbraio 1940 starà l’informazione che cerco?), altre ancora mi scervello su dove potrei trovare una copia di un libro (il “Galeazzo di Tarsia”, ad esempio) che il bisnonno ha scritto ma che nessuno di noi e nessuna biblioteca ha.. e poi lui ha scritto tantissimo per “Cronaca di Calabria”, ma io riesco a trovare i suoi articoli solo quando vengono citati. Se da qualche parte esistesse la collezione completa e io mi mettessi a leggere da cima a fondo un paio di decenni, sono certa che troverei tantissime altre cose di cui non conosco l’esistenza.

(..continua..)

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Frieda scrive:

    Grazie Gigi, sono vecchi “amici” 😉

  2. Elitre scrive:

    Ma tipo, chiedere a gente che sta sul posto? Qui Internet non è ancora arrivato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *