Vieni a ballare a Esino Lario!

Esino Lario è una ridente località di 798 anime ai piedi della Grigna dove sabato 16 maggio si terrà un evento in occasione di “Fai il pieno di cultura” e, tra le tante cose, si racconterà perché un fondo fotografico decide di rilasciarsi con una licenza Creative Commons e di andare su Wikipedia e Wikimedia Commons.

Perché esserci? Perché, per quel che ne so, sono i primi in Italia a farlo e a provare a raccontarlo!

Più info:
* l’archivio Pietro Pensa
* l’archivio e Wikipedia

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. G. scrive:

    Un lungo applauso all’Archivio Pensa.
    Che possano essere d’esempio.

  2. Iolanda Pensa scrive:

    Siamo cominciando ora a provarci. Immagini digitalizzate, testi sulle organizzazioni del territorio, documentazione del Museo delle Grigne online. È solo l’inizio.

    Un archivio più essere una cassa comune interessante dalla quale attingere. Non volevamo restare soli. Internet non è uno spazio accogliente, si rischia sempre di parcheggiarsi in un vicolo invece di trarre beneficio dalle autostrade. Così la possibilità di nutrire Wikipedia è apparsa subito come un’occasione interessante per far arrivare i contenuti che vogliamo promuovere a più utenti possibili.

    E poi c’è la magia del share-alike. L’idea di permettere l’uso della documentazione del proprio archivio non è niente di nuovo (cos’altro fanno gli archivi), ma l’idea di chiedere a chi usa la documentazione di adottare lo stesso copy right ha degli esiti sorprendenti. Tra qualche mese usciranno due libri della Fondazione Rockefeller per celebrare le attività della fondazione a Villa Serbelloni a Bellagio. All’interno dei libri sono state anche inserite alcune immagini dell’Archivio Pietro Pensa, che possiede un ampio fondo Serbelloni Sfondrati e quasi tutti i documenti che riguardano le proprietà di Bellagio oggi Rockefeller. Insomma le piante dell’edificio e pergamene con i sigilli imperiali sono state rilasciate dal nostro archivio con CC-BY-SA e così anche le immagini dei documenti prodotti dalla Fondazione Rockefeller. Forse più che effetto a catena potrebbe diventare un effetto farfalla. Ed è divertente innescare effetti.

    Un invito dunque a innescare effetti su Wikipedia e a Esino Lario il 16 maggio 2009, perché bisogna essere in tanti per contagiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *