Potenza del sindaco di Giussano?

Il mio alert di stasera mi segnala questo simpatico articolo del Cittadino di Monza e Brianza secondo cui il sindaco di Giussano, scocciato di vedere su Wikipedia una pornostar tra le celebrità del paese, ha preso il telefono (o l’ha fatto prendere ai suoi), contattato la redazione, sporto lamentela e, forte della sua posizione, risolto il problema.

L’ha scritto un giornale. Quindi è vero. O no?

Mi rendo conto che leggere una cronologia è un affare difficilissimo, quasi quanto scrutare in una palla di cristallo.. lasciatemi un attimo per cadere in trance e la divinerò per voi.

Ecco il colpevole dell’inserimento della pornostar, insieme ad un’altra discreta quantità di contenuti aulici (nella riga sopra si legge di un tizio “pornodivo di successo di personalita’ autoritaria con una mazza della madonna”).
Il primo giro di scemenze è stato eliminato due ore dopo, sempre da un anonimo.
La pornoattrice l’ha eliminata una settimana dopo qualcun altro (sempre anonimo).

Morale della favola? Il sindaco non ha telefonato a nessuno, perché non avrebbe saputo chi chiamare (quale redazione?!), i suoi hanno ricevuto un compito e l’hanno svolto secondo le regole di Wikipedia. La pornostar tornerà nella voce? Possibile. Dipende da quel che deciderà la comunità (che su Wikipedia ha decisamente più potere del sindaco).
E la giornalista? Ha letto troppa fantascienza secondo me..

Ti ricordo che è in corso la campagna annuale di raccolta fondi: puoi donare a Wikimedia Italia o direttamente a WMF.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Leoman3000 scrive:

    Oppure c’è una talpa su WP 🙂

  2. Blackcat scrive:

    Eeeeeh, allora lo vedi che c’è una redazione di Wikipedia? XD

  3. Rolando scrive:

    leggevo il commento di risposta e mi chiedevo: ma se l’articolista (che a questo punto dovrebbe essere la stessa tizia) non è informato sul funzionamento, non dovrebbe informarsi prima, visto che, in teoria, di mestiere fa il giornalista?

  4. Frieda scrive:

    Informarsi costa tempo, fatica, sudore e testa. Conosco pochi giornalisti che hanno a disposizione tutti e quattro questi fattori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *