ioTubo e tuBabel

La notizia impazza in rete: BlogBabel chiude per colpa di Paul the Wine Guy e Napolux (non vale chiedere “BlogBabelche?”).
C’è scritto proprio così sul messaggio dall’eloquente titolo “ci siamo stufati”:

BlogBabel è temporaneamente sospesa.
Ci siamo stufati dell’arroganza di alcuni blogger italiani, che pensano di poter ricattare un servizio offerto alla comunità e al grande pubblico, e non perdono occasione per trasformare qualsiasi discussione in un litigio da riunione di condominio.
In particolare, grazie a Napolux, PaulTheWineGuy, e gli altri che continuano a non capire che un motore di ricerca ha poco a che fare con la licenza d’uso dei contenuti. Vi manca BlogBabel? Parlatene con loro.

Voci di corridoio riferiscono che a momenti verrà pubblicato un indirizzo email dove far richiesta delle freccette che, dietro promessa di essere usate contro Paul e Napolux, verranno comodamente recapitate a casa vostra da un corriere in giornata. Matteprego!
Su PI di oggi leggo di un tizio che ha cancellato il suo video da YouTube dopo aver riscosso grande successo perché stufo degli effetti collaterali della notorietà.
Perché ioTubo è stato così previdente da permettere il diritto all’oblio e BB no?
A che gioco sta giocando BB per dar fuori di matto e mettere alla gogna due persone che hanno semplicemente fatto una richiesta non trascendentale e assolutamente legittima?
Mah.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Napolux scrive:

    Eh, bella domanda la tua su ioTubo. 🙂

  2. valepert scrive:

    perché YouTube è abituata a cancellare i video per problemi di copyright (qualcuno ha detto Viacom?). BlobBabel aspettavano forse la denuncia del blog di qualche importante politico (“BlobBabel ci copia il programma”) per chiudere. nel caso specifico la (velata) minaccia è arrivata da un blogger non famoso al di fuori della rete ergo è stato facile metterlo alla berlina scaricando la colpa su di lui.

    noto inoltre che ora invece di linkare il blog di PTWG (dove poteva difendersi) nel comunicato linkano una intervista radiofonica SENZA contraddittorio. w la pluralità d’informazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *