PD, Pubblico Dominio

Deformazione professionale: se leggo PD a me viene subito in mente Pubblico Dominio, non Padova né Partito Democratico o altro.

COMMUNIA, progetto del Centro NEXA, ha lanciato in questi giorno il Manifesto del Pubblico Dominio per ricordarci, in un mondo che sa solo allungare la durata del diritto d’autore, qual è la fondamentale importanza del PD.
Con un’opera di pubblico dominio posso fare di tutto: scaduti infatti i termini dello sfruttamento economico (che in Italia, al momento, terminano dopo 70 anni dalla morte dell’autore) l’opera può essere liberamente tradotta, adattata, illustrata.. posso scriverne una versione critica, annotata, ecc. senza preoccuparmi di altro che dei diritti morali dell’autore.

Google Books a parte, attendere 70 anni dalla morte dell’autore significa o sperare che sia un autore (e un editore!) illuminato che rilascia opere in licenza libera o attendere un periodo di tempo lunghissimo prima che l’opera possa liberamente circolare.

Io ho firmato il manifesto e Wikimedia Italia ASAP comparirà tra le organizzazioni che lo supportano, come già succede per altri chapter e vi invito a riflettere (e possibilmente a firmarlo!) sul messaggio.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 29 gennaio 2010

    […] Aggiornamento: se non vi fidate di me, fidatevi di lei. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *